Stress: ecco due tecniche per liberarsene subito
Pubblicato da      21/03/2022     News
Stress: ecco due tecniche per liberarsene subito

Disordine mentale, stress, tormento e spirali negative di pensiero: sono questi alcuni dei fattori che causano la nostra infelicità e generano malessere. 

Ma come liberarsi dai pensieri negativi, dall’overthinking e da situazioni di ansia?
Esistono diverse strategie che si possono attuare anche con semplicità e rapidità. In “Smetti di pensare troppo” Nick Trenton raccoglie tutte le tecniche che possono aiutarci a ridurre l’ansia, a controllare i pensieri e cambiare le abitudini mentali.
Basandosi su approcci scientifici, l’autore giuda il lettore al cambiamento del modo di pensare e sentire, fermando quindi i modelli di pensiero viziosi.

Ma quali sono le strategie che possiamo mettere subito in atto?

Ti proponiamo, in anteprima, due delle tante tecniche trattate nel volume e che ti permettono di attivare subito un processo di relax e di fermare i pensieri negativi.

La tecnica di radicamento 5-4-3-2-1 

È una tecnica che aiuta ad acquisire consapevolezza e porta sollievo immediato a una situazione di ansia.
È ideale per situazioni in cui pensiamo troppo ci aiuta a riportare la nostra mente nel presente, anche al fine di non bloccare nostre attività future (compromesse dal “pensare troppo”). 

Primo step: guardarsi attorno e individuare cinque cose che vediamo, dalla lampada alle nostre mani. Dopo averle individuare, occorre osservarne consistenza, colori e forme, prestando attenzione ai dettagli. 

Secondo step: individuare quattro cose che possiamo percepire o toccare: la texture di un indumento, il freddo di una superficie, il calore del nostro corpo ecc…

Terzo step: trovare tre cose che possiamo ascoltare: il nostro respiro, il canto di un uccello ecc...

Quarto step: trovare due cose che possiamo odorare. Occorre ricordare che tutto ha un proprio odore, dal sapone sulla nostra pelle alla carta del libro appena acquistato.

Ultimo step: trovare qualcosa che si possa assaggiare: il gusto del caffè sulla vostra lingua, per esempio. 

Questo esercizio innesca una distrazione, perché il cervello viene impegnato e smette di concentrarsi sui pensieri che ci hanno creato malessere. 

Immaginazione guidata e visualizzazione

Questa tecnica ci aiuta a raggiungere lo Zen immediato, a rallentare e ad assumere il controllo su una mente in fuga.

Primo step: occorre trovate una posizione comoda, rilassare il respiro, chiudere gli occhi e immaginare una scena che ci faccia sentire felici, calmi o energizzati: una foresta fresca e mistica, una spiaggia, una calda coperta di fianco a un camino ecc…

Secondo step: mentre si immaginano i dettagli di questo luogo occorre evocare anche in che modo vogliamo sentirci: calmi e beati oppure felici e contenti.

Terzo step: creare una breve storia che ci riguarda – magari mentre immaginando di raccogliere degli splendidi fiori. 

Quarto step: quando ci sentiamo pronti possiamo uscire da questa immagine, aprire gli occhi e fare un po’ di stretching. 

L'autore

Nick Trenton è cresciuto nelle zone rurali dell’Illinois ed è letteralmente un ragazzo di campagna. Ha conseguito una laurea in Economia, seguita da un master in Psicologia comportamentale.
Gli piace dire che è diventato un esperto professionista in uno dei suoi hobby preferiti: osservare la gente. 

SCOPRI IL LIBRO

Condividi

Post correlati: