Autismo, NeuroTribù ottiene il premio Jackson

autismo neurotribùIl libro bestseller di Steve Silberman dedicato al mondo dell’autismo ottiene il prestigioso riconoscimento. Su The Guardian il racconto della storia dell’autore: un bambino emarginato, vittima di bullismo e rinchiuso in case di cura. Poi la svolta. “I bambini autistici erano invisibili, ora capiamo che sono intorno a noi”.

NeuroTribù è un libro che modifica la percezione dell’autismo degli ultimi ottant’anni ma è anche il primo volume scientifico che vince l’ambito premio. Un traguardo sofferto, per cui ha lavorato non diciotto mesi (come aveva previsto) ma ben cinque anni. Un traguardo sofferto soprattutto perché lui, da bambino, era stato emarginato ed era stato vittima del bullismo dei coetanei proprio a causa di alcune sue caratteristiche che rientravano nel conosciuto “spettro autistico”.
A raccontare le sue vicissitudini e i tanti ostacoli affrontati è lui stesso in un’intervista per la testata Thje Guardian e rilasciata a poche ore dalla consegna del premio.

“C’è molta sofferenza in NeuroTribù – ammette il giornalista e scrittore di NeuroTribù e che ha scelto di dedicare la sua attività all’autismo – ma c’è sempre una possibilità di redenzione. I genitori non sanno perché, a partire dal 1990, è salito il numero dei bambini a cui è stato diagnosticato l’autismo. E questo è un problema che si presenta a livello globale. Così tutti hanno paura di un gran numero di cose”.
Per leggere l’intervista completa a Steve Silberman, in cui parla della sua esperienza con l’autismo, clicca qui.

Per acquistare il libro o scaricare gratuitamente l’introduzione clicca qui.