dettagli

    Collana:
  • Edizione: Prima edizione
  • Pagine: 240
  • Formato: 29,7 x 21
  • ISBN: 9788868954444
  • Rilegatura: Brossura
  • Data di pubblicazione: Febbraio 2017
  • ebook ISBN: 9788868954451

Vestire su misura – Conformazione irregolare

La correzione dei difetti nella sartoria artigianale
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessuna valutazione)

Descrizione

Basato sull’esperienza di quarant’anni di lavoro e di costante perfezionamento
nell’alta sartoria artigianale, questo libro presenta per la prima volta un riferimento semplice e pratico per gli operatori della sartoria su misura (o per il sarto e l’aspirante sarto) per la confezione di abiti dall’estetica sempre perfetta, e una guida alla correzione dei difetti che emergono durante la prova dell’abito, a causa di particolarità fisiche del cliente o di piccole imprecisioni da parte del sarto.
Un metodo rapido e professionale per creare l’abito su misura perfetto, limitando il numero di prove sul cliente e i frustranti tentativi empirici che possono tentare gli apprendisti sarti.
Con più di 80 tracciati di abiti sia maschili sia femminili, il libro è corredato da illustrazioni e da un indice visuale che aiutano il sarto a individuare i difetti e trovare la correzione più adeguata.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Lascia un commento

L'Autore

Author

Santo Zummito, Gabriella Moro

Santo Zumbino. Modellista e sarto, si forma all’istituto salesiano “Santa Chiara” di Palermo e si perfeziona all’Istituto “Carlo Secoli” di Milano. Lavora per importanti sartorie, tra cui la Sartoria Francesco Orlandi, che rileva nel 1972 come “Sartoria Zumbino”. Fa formazione e consulenza per importanti firme della moda e tiene regolarmente corsi per apprendisti sarti presso la Scuola di Alta Sartoria Artigianale di Melzo e SIAM 1838, Milano. Ha pubblicato anche “Trattato di confezione moderna. Moda maschile. Tradizione del su misura italiano”, 2013, Milano. Gabriella Moro. Visual designer, BA in graphic design presso NABA. Nel 1997 entra come progettista e art director in una delle prime agenzie di web design nate in Italia, ricevendo riconoscimenti come il Mobius Award e l’Internet Key Award per il design de La cucina italiana online e l’Oscar del web per il restyling del sito dell’Università degli Studi di Milano e per il restyling del sito del Museo della Scienza di Milano.